Vai al contenuto

Il mistero del post impazzito

agosto 29, 2013

È successo una cosa che ha dell’incredibile, che va al di là di qualsiasi spiegazione da manuale ed invito la pletora tracotante dei guru del social media marketing (agh!) provare a spiegare la causa del fenomeno che vado a descrivervi.

Mi tocca fare una premessa: ho dato vita qualche anno fa a questo blog senza nessuna velleità commerciale o aurorale, ma semplicemente per mettere a disposizione di una eventuale comunità digitale la mia (piccola) esperienza nel mondo della grafica e della comunicazione, maturata in questi vent’anni di onorata attività .
Il successo del blog è cresciuto nel tempo seguendo un normalissimo andamento tipico di questa particolare area digitale, qualche moderata impennata, qualche caduta, ma tutto sommato, un onorevole cammino.

Ieri l’inspiegabile!
Tutto o quasi nasce da un efferato e quanto meno gratuito commento di tal Andrea – così si firma- che mi invita ad andare a lavorare anziché perdere tempo con i blog e che mi indica quale ragione dello sfascio di questi giorni.
Il commento era in calce ad un post che ho pubblicato qualche mese fa – post per altro già esistente sul web (un’amica mi aveva segnalato questo esilarante decalogo e io l’ho un po’ infiorato e ripubblicato).
Quando pubblicai il post su questo blog, ricordo che il decalogo ottenne una buona visibilità – circa un’ottantina di visualizzazioni, ma niente di stupefacente.

Dal commento del sedicente Andrea, il post ha ottenuto in tre giorni 54 mila visualizzano e qualcosa come 800 commenti spontanei.

La mia domanda ora è: come è possibile?
Capisco entrare in un aggregatore e capisco ritrovarsi qualche centinaia di visualizzazioni, avrei capito anche mille! Ma non capisco 27 mila il primo giorno e circa 22 mila il secondo – e svariate migliaia anche il terzo, cioè oggi!?

Ho studiato che i post hanno vita breve e che, al di là del valore effettivo del loro contenuto, molto è legato all’onda di interesse del momento, ho studiato gli andamenti dei canali social come possibili strumenti di comunicazione b2b b2c, ho provato a capire e ad anticipare gli interessi e le desiderata

    del mercato, la comunicazione, nel quale mi muovo e lavoro da 20 anni circa… ma quello che è successo con post “Come uccidere un grafico in 10 mosse va oltre ogni mia possibile spiegazione e ragionevole logica di interesse specifico.
    Comunque grazie a tutti coloro che hanno letto il post, commentato e spesso preso le mie parto nei confronti del malcapitato Andrea… che comunque ringrazio, sarcasticamente, per aver in qualche modo innescato questo fenomeno (inebriante).

    Cercherò di tornare a postare con la frequenza dei primi giorni e a parlare di grafica, pubblicità, packaging e comunicazione in generale, fa bene sapere di essere letti!

    Annunci
6 commenti
  1. Ornella permalink

    Sarà per la parola uccidere?

  2. Francesco permalink

    Forse perchè è stato postato dalla pagina facebook il meglio di internet.

  3. Mhhh l’ho letto anch’io quel post, l’ho trovato linkato su facebook! Certo 22mila al giorno fa impressione!

  4. Sono tornato sul tuo blog solo per capire come mai quell’articolo, che anche io ho commentato, ricevesse così tanti commenti. L’esperienza mi ha insegnato che per quanto perfetto possa essere un sito ci sarà sempre un operazione imprevista dell’ utente finale. Qualcosa che esce dagli schemi e che imbarazza il webmaster. Ora questa regola si applica anche alla massa.

  5. Un altro Andrea permalink

    Sono uno dei 22mila del secondo giorno. Non ero mai passato da queste parti, ho letto il tuo post (che già conoscevo) poiché un amico me lo ha segnalato tramite FB e devo dire di aver apprezzato molto la tua “infiorata” come la parte del Finitelo, che non ricordavo, quindi immagino sia farina del tuo sacco 🙂
    Ora torna a lavorare, ma non smettere di scrivere su questo blog. Magari ripasso in futuro. Complimenti!

  6. Bé, magari è solo perchè è un articolo divertente, scritto bene ed è stato condiviso molto sui social! 🙂
    A proposito: complimenti! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...